giovedì 13 gennaio 2011

Buffon c'è. Del Piero pure. E non manca la sfiga...


"Se non facevo quella parata dovevo smettere di giocare... devo ringraziare questi tifosi che spesso mi hanno detto "che cavolata hai fatto a restare quando potevi andare a vincere in altri posti", e devo dire che forse era vero però la carica che mi danno loro vale più di ogni vittoria, è qualcosa di encomiabile".
Gianluigi Buffon

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Esatto fratello. La sfiga, quella, non manca mai...ci deve essere qualche gufo che ha fatto l'abbonamento e che si guarda tutte le nostre partite per scaricarci addosso valanghe di iella!!! Spero che presto possa cadere dal suo trespolo!
Ho letto il tuo commento alle nostre risposte del post precedente. In effetti tu hai argomentato in maniera impeccabile. Spero tanto che tu abbia ragione. Lo so che a volte diamo l'idea di essere disfattisti, ma l'amore immenso che proviamo per questa squadra e la sofferenza che ci procurano tutte queste umiliazioni che andiamo subendo da quell'anno maledetto ci stanno distruggendo! Almeno per me è così!!!

Danny67

marco99 ha detto...

Purtoppo su Buffon e Del Piero ormai ho mutato pensiero da parecchio tempo.
Buffon è un calciatore che ha imboccato a forte velocità il viale del tramonto e prima che arrivi in fondo andrebbe "monetizzato".
Del Piero a 36 anni non ne ha più per giocare 90 minuti.
Gli assist fatti hanno camuffato una prestazione altrimenti non sufficente.
Mi spiace, ma non voglio affondare con la bandiera della vecchia guardia in mano.

Capitolo sfortuna.
Possiamo considerare sforunata una società che va sul mercato per prendere un giocatore di 34 anni già molto logoro fisicamente?
Io credo di no.
Chi pratica queste operazioni di mercato cosi scellerate non può che sputarsi da solo su un occhio, come fece il mitico Canà di ritorno dal brasile.

un abbraccio

Giuliano ha detto...

ieri abbiamo fatto una bella discussione, c'erano molte ragioni in tutti i nostri interventi. Cosa succederà, lo dirà il futuro.
Per esempio: quanto valgono i giovani che adesso sono nella Primavera? Ci sono giocatori, e penso a Palladino e probabilmente anche a Giovinco, che sono arrivati a 28 o 25 anni giochicchiando, due partite buone e poi niente per mesi. Le occasioni le hanno avute, quando hanno giocato con noi avrebbero potuto tirare fuori qualcosa, invece...
Errori grossi ne sono stati fatti in passato, vedi Cassani e Balzaretti (molto meglio di quelli che sono venuti dopo!), e non ho capito perché ieri sera non abbia giocato almeno per dieci minuti Giannetti (invece è entrato Motta per Del Piero...). Mah!
Adesso arrivano Floro Flores e Barzagli: l'unica cosa buona, come per Toni, è che arrivano quasi gratis.
Dico quel che pensiamo un po' tutti, e sempre lieto di essere smentito: non era meglio far giocare Libertazzi e Giannetti e Camilleri?

IoJuventino ha detto...

Sfortuna? Intendi Toni? Invece credo che proprio l'uscita di Toni abbia provocato la scossa tattica: nessun punto di riferimento e manovra, balbettante, ma ariosa!

L'unica arma in mano a Del Neri in questo momento sono i brevilinei: Krasic, Pepe, Del Piero e il recupero totale di Aquilani. Con magari il rientro di Iaquinta e la sorpresa Martinez sul quale Marotta ha puntato tanto!

Se poi Buffon è al tramonto... vorrei fossero sempre le 19:30 per vedere tramontare questo sole!

JUVE 90 ha detto...

mitico Gigi! Non vedo la gente come possa gridare allo scandalo perchè non ci sono campioni e poi chiedere che vadano via Del Piero e Buffon.... mah

Cronache bianconere ha detto...

@Danny67: ricordi le parole che scrissi sotto il titolo del mio precedente blog?
“Un piccolo "Bar Sport", dove tutti hanno ragione, e nessuno ha torto…”

Mi piace confrontare il mio modo di vedere il calcio con quello delle altre persone.
Meglio ancora se queste sono amiche: c’è maggiore possibilità di lasciar perdere formalismi vari e scrivere con “la pancia” quello che uno pensa.
Nessuno di noi ha ragione, così come nessuno ha torto.
Almeno: a casa mia funziona così.
Tu, Giuliano, Marco, Sante e IoJuventino lo sapete benissimo.
Magari ci fossero sempre chiacchierate come quelle di ieri sera…

Da tifosi stiamo soffrendo tutti.
La cosa che mi intristisce maggiormente in questo periodo è che percepisco nell’ambiente bianconero (non in questo blog) una minor voglia di tifare per la squadra, di parlare di calcio giocato.
Non si discute più della singola partita, di una bellissima azione, di un contropiede, di una rovesciata… Ci si limita a parlare di discorsi legati ad avvenimenti che accadono (o sono accaduti) fuori dal campo.
Forse perché dentro il rettangolo di gioco c’è da soffrire?
Perché la Vecchia Signora ci fa penare?

Un Cavaliere non abbandona mai la sua Signora.
Quando ami soffri. In molti se lo sono dimenticati.
Avevamo una squadra che vinceva prima ancora di entrare sul campo.
Siamo arrivati (al “Delle Alpi”) a chiedere a quei giocatori di andare a lavorare perchè l’Arsenal ci stava buttando fuori dalla Champions League.
Qualcuno se lo ricorda? Qualcuno ora si vergogna, ripensandoci?

@marco99: per come vedo il calcio io, e forse lo vedono Marotta e Moggi, quei campioni che hai citato adesso non sarebbero più a Torino, se solo loro avessero avuto la possibilità di gestirli quattro anni fa.
Con il ricavato delle loro cessioni bisognava comprare nuovi fuoriclasse.

Il problema si chiama Jean Claude Blanc.
Il fatto di doversi aggrappare ancora a Del Piero a Buffon (che adoro) è dovuto alla mancanza di ricambio al momento opportuno.
Per quanto mi riguarda, sono e saranno sempre nel mio cuore.
Un’azienda calcio, però, deve ragionare anche con il portafoglio.

@Giuliano: l’unico giovane negli ultimi anni – a memoria – al quale ricordo di aver pronosticato un grande futuro è stato Marchisio. Alla fine del campionato di serie B insegnava calcio agli avversari.
Giovinco è stata una speranza (“di cuore”) che poi non concretizzata, su De Ceglie avevo aspettative alte (solo parzialmente rispettate, grazie a Del Neri), di Balzaretti non ne ho mai capito la cessione, su Cassani (sono sincero) non immaginavo diventasse così bravo.

I nuovi? Mi fido di Paratici. Uno dei fuoriclasse della Juventus. In pochi hannocapito la sua grandezza, come è normale che sia: i giovani dimostrano il loro valore solo col passare degli anni. Dategli tempo, qui a Genova lo conoscevano bene…

@Io Juventino: qualcosa combinerà anche Toni. Giocherà poco, poi ne parleremo a tempo debito. Ora è ingiudicabile, come Martinez. Sinceramente non mi sento in grado di valutarlo. Preferisco aspettare

@JUVE 90: quando Buffon riprenderà a portare punti alla Juve, in molti si rimangeranno le loro parole di questi mesi… Quante ne ho sentite sul suo conto…

Un abbraccio a tutti ;-)