mercoledì 10 agosto 2011

Andrea, sì. Ma Agnelli... Continua a (ri)scrivere la storia, Presidente


La Juventus ha presentato ricorso al Tribunale nazionale arbitrale per lo sport (Tnas) contro la mancata revoca dello scudetto stagione della 2005-'06, decisa lo scorso 18 luglio dal Consiglio federale. Lo ha annunciato il presidente bianconero Andrea Agnelli, nel corso di una conferenza stampa.

«La Juventus è abituata a giocare e vincere sul campo. Questa partita, invece, si gioca fuori dal campo, a Roma. Per questo abbiamo deciso di far partire da qui la nostra battaglia legale, dopo la decisione della Figc di non decidere sul nostro esposto». Il presidente della Juve ha spiegato così le ragioni che lo hanno spinto a convocare la conferenza stampa proprio nella capitale per annunciare le prossime iniziative legali del club bianconero. Non solo il ricorso al Tnas, ma anche degli esposti al procuratore regionale del Lazio presso la Corte dei Conti, al Prefetto di Roma ed al ministero dell'Intero, al delegato sul controllo della gestione presso il Coni ed, infine, all'executive commitee dell'Uefa. «Dal 2006 abbiamo pagato a caro prezzo l'affidamento alla giustizia sportiva - ha aggiunto Agnelli - ma i fatti emersi al processo di Napoli, ed elaborati dal procuratore Palazzi, hanno mostrato una disparità di trattamento per noi inaccettabile. Siamo favorevoli ad un tavolo per un dialogo sereno, ma non se questo serve solo a lavare coscienze sporche ed a insabbiare il passato».

«Il titolo 2005-2006 lo abbiamo vinto sul campo con 91 punti, qualcun altro se l'è visto recapitare con un atto amministrativo. È stato definito lo scudetto degli onesti: al più, è lo scudetto dei prescritti», ha continuato Agnelli. Il presidente bianconero ha poi spiegato «metterò la parola fine nel giorno in cui riporteremo quei due scudetti nella nostra bacheca. Sono nostri». «Per riavere lo scudetto 2004-2005 occorre un provvedimento importante che non può che arrivare da un giudice penale. Attendiamo l'esito dei procedimenti di Napoli», spiega poi l'avvocato Luigi Chiappero. «Lo scudetto 2005-2006 è slegato dai procedimenti di Napoli, venne toccato perchè si doveva rendere concreta la sanzione relativa alla stagione precedente. Il titolo 2005-2006 è della Juventus: il primo passaggio» per arrivare a questo obiettivo «è la revoca» del tricolore assegnato all'Inter.

(Fonte: La Stampa)


4 commenti:

Anonimo ha detto...

Grande andrea!!! E' così che agisce un Agnelli! Sei più che mai il nostro Presidente!!!!!!!! Forza fratello che adesso, come già detto per sms ieri, inizia la guerra! Maledetti dovrete pagare tutto! Abete ha detto: "io vado avanti e non guardo lo specchietto retrovisore"! Ti consiglio di guardarlo invece caro Abete, perchè tra poco ti arriverà addosso un TIR dal doppio rimorchio e ti consiglio di prepararti bene alla botta perchè rischi di farti molto male!

Danny67

Giuliano ha detto...

Era ora!
:-)

Il Duca ha detto...

E' la miglior interpretazione di quanto il popolo Juventino si aspettava dal proprio Presidente.

Adesso mi voglio proprio divertire!!!

Cronache bianconere ha detto...

@Danny67: e che si guardi pure il proprio portafoglio, Abete: potrebbe dimagrire parecchio, nei prossimi tempi...
;-)

@Giuliano: tanto tuonò... Che piovvero ricorsi a raffica...
:-)

@IlDuca: adesso sì: mi voglio (proprio) divertire anch'io ;-)

Un abbraccio a tutti!!!