domenica 26 agosto 2012

Finalmente in campo...

Estremamente provato da questa terribile estate, passata a cercare notizie, leggere forum, blog e siti internet per sapere tutto sulla assurda vicenda del calcio scommesse che ha coinvolto Bonucci, Pepe ma soprattutto il nostro Mister Conte, e dopo esser stato più volte davanti all’ex ostello della Gioventù insieme a qualche altro fratello bianconero, per poter almeno far sentire la mia vicinanza, il mio supporto morale ai nostri ragazzi, dopo aver attentamente studiato il codice di giustizia sportiva ed aver esaminato più volte i dispositivi con le sentenze e le relative motivazioni, dopo aver gioito per il proscioglimento di Leonardo e Simone, dopo essermi profondamente arrabbiato per la condanna di Antonio e dopo aver preso coscienza che ci sarà ancora da soffrire per questa incredibile storia, questa sera mi sono seduto davanti alla tv, per seguire la prima partita della Juventus del campionato di Serie A 2012-2013, con un entusiasmo inferiore a quello che solitamente mi riempie il cuore al debutto stagionale della Vecchia Signora. 

Ad aggravare la situazione le ulteriori recentissime dichiarazioni del solito Zeman e del solito Mazzarri che, qualora ce ne fosse bisogno, mi hanno ulteriormente rammentato quale sarà il clima con cui saremo costretti a convivere noi tifosi Juventini anche in questa stagione. Nel momento stesso in cui ho acceso la televisione ho visto, infine, una pioggia torrenziale che sembrava mettere seriamente a rischio la gara. Non riuscivo più a dire niente ma pensavo tra me e me: “ma come può essere possibile ciò? Siamo al 25 agosto!! Fino ad ora abbiamo combattuto con Caronte, Minosse, Caligola e Lucifero…proprio stasera dobbiamo lottare con Beatrice?”. 

Fortunatamente, proprio nel momento in cui pensavo a quale potesse essere la data di un possibile recupero del match, improvvisamente l’acqua smetteva di scendere dal cielo ed il diluvio cessava. Ho tirato un grosso sospiro di sollievo. Anche se l’entusiasmo era inferiore al solito, avevo un grande bisogno di vedere quelle meravigliose maglie bianconere correre per il campo alla ricerca di quella cosa che tutti, con ogni mezzo, vorrebbero impedire loro di raggiungere, la vittoria. 

E tutta la gara è stata una vera rincorsa verso i tre punti, cercati nel primo tempo con un ritmo abbastanza basso e senza grande convinzione, quasi ad insinuare il dubbio che lo slogan della campagna abbonamenti di quest’anno (abbiamo ancora fame) fosse destinato a rimanere solo sui manifesti, ma nella seconda frazione di gioco inseguiti con maggiore ostinazione ed accanimento. 

Eviterei di fare un’analisi critica dettagliata della partita, perché forse è troppo presto per dare giudizi, però vorrei sottolineare alcune certezze. La prima è che il gioco della Juventus è sempre lo stesso fortunatamente, pur senza il nostro condottiero in panchina, sostituito degnamente da Massimo Carrera (anche se senza i salti e le urla da vero tifoso che siamo abituati a vedere in Conte. Alla lunga occorrerà vedere cosa accadrà nei momenti di difficoltà). 

La seconda sono coloro che ci hanno portato alla vittoria dello scudetto numero 30, i vecchi, per così dire, Marchisio, Pirlo, Vidal, Lichtsteiner e così via. Ci sono ancora. La terza sono alcuni dei nuovi, Asamoah, che sembra essere un vero top player per duttilità, capacità tecnica, velocità e personalità, o anche Marrone, che nel ruolo di centrale si sta dimostrando veramente al’altezza della situazione. 

Da rivedere Giovinco, ma ci sarà tempo per lui di rifarsi e per dimostrare di essere abbastanza maturo per la Juventus. L’unica nota negativa, purtroppo, è la conferma dei soliti problemi in attacco. Si sono riviste le difficoltà realizzative che hanno accompagnato Madama per tutta la scorsa stagione e che, senza averle impedito di vincere il campionato, le hanno comunque creato diversi problemi. In Champions questo non ce lo possiamo permettere. 

Infine devo fare i complimenti al Parma, ai suoi giocatori ed all’allenatore Donadoni, i quali hanno stemperato immediatamente le polemiche, relative più che al goal di Pirlo - che dai replay è risultato valido - al rigore del primo tempo, polemiche alle quali in altre occasioni e con altri protagonisti avremmo certamente assistito.

 Questo articolo è di Danny67. Tutti gli altri, li puoi trovare nella sua rubrica Un Bianconero a Roma

14 commenti:

Giuliano ha detto...

sì, d'accordo su tutto, e non è mai finita.
Per esempio:
1)in tutte le presentazioni del campionato, mai nessuno che faccia notare che nella formazione della Juve c'erano Marrone, Marchisio, Giovinco, De Ceglie, e altri ancora in panchina. Tutti a parlare dei soldi, dei top player e - meraviglia delle meraviglie - del fatto che i giovani non trovano spazio. Di chi stanno parlando, dell'Inter? (vedi Destro, Balotelli, Bonucci, Pazzini...eccetera)
2) ieri sera ero in giro per casa e mi sono detto "vediamo cosa fa la Juve". Dieci minuti, mezzora, un'ora, due ore, sempre a parlare del rigore se c'era o se c'era, del gol se c'era o se non c'era - poi ho visto i filmati, Asamoah ha fatto un'altra giocata da campione e questi non se ne accorgono neanche! (per forza, erano tutti intenti a cercare dov'era Conte: ma una volta non si andava allo stadio per vedere la partita? Bei tempi...alla Juve potrebbero fare pagare un biglietto per vedere Conte, facciamo cento euro a cranio?)
:-)

pigreco san ha detto...

Giovinchio non è da Juve come lo si sapeva già da tempo ma siamo talmente forti che riusciremo a far segnare anche lui....

Danny67 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Danny67 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Danny67 ha detto...

Chiedo scusa per la veemenza con cui parlo di quel signore che allena la roma, ma non ne posso veramente più!!!!!!!!

Thomas ha detto...

@Danny: ti chiedo la cortesia di non utilizzare piu' termini come quelli scritti nel precedente commento quando ti riferisci a persone, chiunque esse siano.

Ho creato e mantenuto - ad oggi - il blog con un certo stile, anche nei momenti peggiori della nostra Juventus.
Continuero' cosi', qualsiasi cosa dovesse accadere.

Ti sei gia' scusato (non avevo dubbi, nel merito), ma preferisco tornare sull'accaduto per evitate spiacevoli inconvenienti.

Essendo a contatto con piu' realta simili alla mia, sono venuto a conoscenza di querele partite e arrivate ai diretti interessati alla velocita' della luce.

Non sono bravo a "vendere" questo prodotto come fanno altri, ma posso assicurarti che e' seguito a diversi "livelli" (dai semplici appassionati agli addetti ai lavori).

Oltretutto non avrei problemi (anzi, mi farebbe piacere)ad ospitare pareri di tifosi di altre squadre, cosa che in passato e' accaduta spesso.

Il vantaggio di scrivere su un argomengo, piuttosto che discuterne a voce, risiede proprio nel tempo a disposizione che ognuno di noi puo' utilizzare anche per smaltire eventuali eccessi di rabbia.

Un abbraccio e grazie per il pezzo!

Giuliano ha detto...

sì, il colpevole di tutto è diventato Conte: dieci mesi per omessa denuncia, anche se fosse vero, è un'enormità.
Poi si leggono cose ridicole, come quella di Mastronunzio del Siena: una delle motivazioni della sentenza è che Conte non avrebbe fatto giocare Mastronunzio mettendolo fuori rosa perché non era d'accordo. Poi salta fuori Mastronunzio in persona e dice "ma io ero infortunato, erano le ultime tre partite, è per questo che Conte non mi ha convocato!" Se è tutto vero, mancano solo Pippo Franco e Lino Banfi...
Giovinco? secondo me, se Giovinco è questo qui, è meglio anche Giaccherini (che punta sempre la porta)

Danny67 ha detto...

Ti chiedo ancora scusa Thomas e prometto che la cosa non si ripeterà più. A proposito di querele partite...certo, a quanto pare, le uniche che non partono mai sono quelle da parte della Juventus nei confronti di chi la accusa quotidianamente....

Thomas ha detto...

Arriveranno anche quelle, Danny. A raffica, vedrai.

Dal momento del suo insediamento in poi, Andrea Agnelli sta completando un lavoro di ristrutturazione societaria e di "riordino" del passato imponente.

Fatto il grosso, si iniziera' a pensare alle cose piu' piccole.

Mi ripeto: Jean Cleaude Blanc ha fatto piu' disastri di Calciopoli.

Un abbraccio!

Danny67 ha detto...

Mi auguro che quanto tu dica si avveri presto fratello. Se guardiamo attentamente e con un occhio al futuro, secondo me, appare chiaro quale sia l'obiettivo di Andrea Agnelli (costruire una società sempre più indipendente da Exor e Fiat, con una sua identità, una sua proprietà, delle novità strutturali, con iniziative finanziarie ed attività extracalcistiche nello stile Manchester United) ma è altrettanto evidente che, al momento attuale, siamo all'inizio di qualcosa che, per essere realizzata avrà bisogno almeno di 5-6 anni se non di più. Nel frattempo, nonostante agli occhi degli osservatori di parte, superficiali e di tutti coloro che, per un motivo o per l'altro la odiano, tramando contro di essa, la Juventus rappresenti il potere da combattere e come tale venga additata dai suoi concorrenti, con l'avallo della stampa avversa, in realtà la Vecchia Signora è quanto di più lontano ci sia in questo momento dalle stanze dove siede chi conta veramente, sportivamente e mediaticamente parlando, risultando, per ora, sola contro tutti ed avente, come unica arma ,il grande orgoglio gobbo che anima lei ed i suoi 14 milioni di tifosi. Ciò che io, e credo tutti noi ci auguriamo, è che tutti gli assurdi e continui tentativi di distruggerci risultino alla fine vani, e che siano l'espressione di un potere che che sta per finire e che cerca, con i suoi ultimi colpi di coda, di uccidere un avversario che invece non morirà mai e che, alla fine, uscirà vittorioso da una guerra che, in questo periodo, ahimè, ci vede soccombere dovunque, tranne che sul campo, almeno finchè non toglieranno anche quello!!

marco novelli ha detto...

forza juventus ... ehi tifosi juventini questo è il mio blog..appena aperto venite ha dare un occhiata http://blogcalciobianconero.blogspot.it/

forza juventus

Elci ha detto...

Ho visto Juventus-Parma, ero un po' timoroso per colpa di tutti quegli argomenti che si frappongono tra il tifoso e il calcio, temevo che l'ambiente si fosse scosso troppo e che i ragazzi ne avrebbero risentito, vedevo questo inizio di campionato come una crociata portata avanti da tantissimi detrattori, una graticola pronta a brasare i campioni fin dal primo atto di una annunciata tragedia. Invece mi sono reso conto che io stesso resto vittima del troppo parlare e giudicare, dei mille programmi televisivi spazzatura e dei mille articoli di giornale cartastraccia quando invece la realtà del grande campo verde dello 'stadium' è tutta un'altra storia. I ragazzi giocano a calcio, buttano via pure i rigori, sbagliano e cadono ma solo giocando, non si fanno vincere da un ambiente ostile che nel campo non ci può entrare. Allora se si fa qualche errore e si butta via un rigore è anche vero che il carattere, la voglia e, quella sì, ancora, ora e sempre, la fame! Tutte queste cose son tali e quali l'anno scorso. Altro che i singoli episodi, ma chi fa polemica le partite le guarda per intero? Una sola squadra ha giocato, nella pioggia, l'altra ha provato e merita anche onore, però non c'era altro risultato possibile, se non uno ancora più rotondo.
Ci siamo ragazzi, e chissenefrega se manca l'attacco, segneranno tutti, magari pure il portiere, è la squadra che vince non l'attaccante, che se arrivasse potrebbe servire, come no, ma meglio una squadra vera senza attacco che un attacco senza squadra.
Se poi quella squadra vera è la Juventus, non può dormire tranquillo proprio nessuno, qui da noi come in Europa!!!

pigreco san ha detto...

Serve jovetic anche se non è una prima punta in coppia con JJorente allora avremmo un attacco stellare in grado di fare la champions per anni ai massimi livelli....

Thomas ha detto...

@Elci: ciao Elci :-)
Ci sentiremo presto...
Un abbraccio di cuore.

Saluta Davide da parte mia