martedì 17 gennaio 2012

Juventus, quanta strada in un anno

L'ultimo Juventus-Cagliari sembrava potesse rappresentare per Alessandro Matri l'occasione ideale per aggiornare il numero delle reti messe a segno nel corso di questa stagione: apparteneva a lui, d’altronde, l'unico goal realizzato da Madama sino a quel momento nel 2012 (a Lecce), così come da lui ci si aspettava un'altra marcatura da annoverare nella storia degli incontri tra bianconeri e sardi.

Nei suoi trascorsi in rossoblù, infatti, la punta aveva violato la porta della Vecchia Signora in più occasioni: il 31 gennaio 2009 fu l'autore del 3-2 con il quale concluse definitivamente la vittoriosa trasferta del Cagliari allo stadio "Olimpico"; il 29 novembre dello stesso anno sigillò il successo della squadra di Cellino al "Sant'Elia" (2-0, il primo goal fu opera di Nenê); il 26 settembre del 2010 realizzò una doppietta nella sconfitta per 4-2 subita a Torino dagli isolani.

In quella stessa serata il mattatore della gara fu Milos Krasic: la sua tripletta venne accolta dall'opinione pubblica come la conferma della bontà dell'acquisto di Madama. "L'unico campione approdato alla Juventus dopo il 2006", si sentiva ripetere da più parti. Curiosamente proprio un altro Juventus-Cagliari, giocato a distanza di un campionato, potrebbe diventare l'ultima apparizione del serbo in maglia bianconera.

L'assist per la clamorosa occasione fallita dal centrocampista nel finale di partita gli è stato confezionato da Borriello, il nuovo attaccante juventino entrato in competizione con Matri per il ruolo di punta centrale nello scacchiere di Conte. Nel reparto offensivo, laddove si pensava che Madama non avrebbe aggiunto altri uomini quanto piuttosto che si sarebbe liberata al più presto di alcuni esuberi, è iniziato il restyling invernale della Vecchia Signora.

La Juventus rallenta la propria corsa in campionato, smarrisce il cinismo mostrato a Lecce e pareggia una gara da vincere ad ogni costo: in caso di successo avrebbe avuto a propria disposizione due risultati utili su tre per mantenere la vetta solitaria della classifica in previsione della prossima trasferta di Bergamo. Superato il Milan di una lunghezza nella corsa verso il primato, dallo specchietto retrovisore è spuntata l'Inter di Ranieri: i sei punti che la separano dai nerazzurri rappresentano per ora un buon margine di distanza, considerando l'imbattibilità del gruppo guidato da Conte e l'affanno che le rincorse, prima o poi, comportano.

Parafrasando il titolo di un romanzo di Andrea Camilleri e adattandolo al calcio, il derby di Milano ha celebrato "la scomparsa di Patò": ormai in procinto di trasferirsi in Francia al Paris Saint-Germain, Pato è rimasto in rossonero per volontà di Silvio Berlusconi in persona proprio nel momento stesso in cui il Diavolo era pronto ad accogliere l'argentino Tévez come suo sostituto. Dirottato sul campo di gioco in mezzo all'undici titolare, la giovane punta ha poi offerto una prestazione decisamente sotto tono. Il tira e molla sul rinnovo del contratto di Allegri, il rapporto complicato tra il tecnico e la giovane punta brasiliana, la serata di scarsa vena di Ibrahimovic: di fronte ad un’Inter affamata di vittorie e senza particolari turbamenti il Milan si sarebbe dovuto presentare con uno spirito diverso da quello mostrato domenica.

L'Udinese attualmente priva di alcuni suoi elementi che partecipano alla Coppa d'Africa e la Lazio di Klose e Hernanes completano il gruppo delle squadre posizionate nei piani alti della classifica. Il posticipo serale previsto per domenica prossima al “Meazza” tra nerazzurri e biancocelesti rappresenta il piatto più prelibato del menù dell'ultima giornata del girone di andata.

Circa un anno fa, per esattezza lo scorso 29 gennaio 2011, con una Juventus entrata in crisi a tutti gli effetti Andrea Agnelli convocò una conferenza stampa per difendere l'operato del nuovo corso bianconero. Nella fase conclusiva del suo intervento dichiarò: "Se noi l'anno prossimo, in questo periodo, abbiamo i problemi di oggi, abbiamo un problema. Quest'anno i problemi che abbiamo e che stiamo gestendo erano prevedibili, e non modificano assolutamente quella che è l'impostazione che abbiamo dato".

In quel momento la Vecchia Signora si trovava al quinto posto in classifica, distante dodici punti dal Milan futuro campione d'Italia. La gara di ritorno tra Cagliari e Juventus si doveva ancora disputare: accadde il 5 febbraio 2011, allo stadio "Sant'Elia". In quell'occasione Matri segnò nuovamente una doppietta nel 3-1 con il quale Madama vinse la partita, indossando la sua nuova maglia bianconera.
Da allora qualcosa è cambiato, qualcos'altro no: di strada, però, ne è stata fatta parecchia.
Ogni tanto è giusto ricordarlo.

Articolo pubblicato su


Questo articolo è stato pubblicato anche da

8 commenti:

Giuliano ha detto...

comunque, non ci si smentisce mai: appena qualcuno comincia a parlare di scudetto (vedi Bonucci, e anche qualcun altro), arrivano gli intoppi. Propongo multe salate a chi ne parla ancora, siano pure John o Andrea...
(occhio che Lazio e Inter ormai sono a tiro)

Cronache bianconere ha detto...

Mi preoccupa maggiormente l'Inter, rispetto alla Lazio: per il secondo posto, però.

Dello scudetto preferisco non parlarne: mi auguro che i calciatori della Juventus facciano altrettanto.

Quando cerco di prendermi una cosa non perdo tempo a discuterne.

Nello specifico: se gioco per la Vecchia Signora è naturale che punti al tricolore.

Bonucci? Se non ti arrabbi, Giuliano, non commento... ;-)

Un abbraccio!!!

pigreco san ha detto...

Speriamo di vincere di kul il campionato della mediocrità degli allenatori. Che altro si può dire...forza Juve che è l'anno buono. Quando giocando male vinci o pareggi e rimani primo ci aspetta la prova della verità con Atalanta Udinese e Milan ravvicinate e li capiremo se è solo Kul.

Danny67 ha detto...

Anche io sono molto preoccupato per il ritorno dell'Inter. In ogni caso adesso la strada si fa sempre più in salita, sia per le squadre che inseguono, sia per il periodo di calo che la Juve sembra attraversare in questo momento. Io mi aspetto qualcosa di buono dagli acquisti di gennaio...speriamo bene..ovviamente non parlo di "quella cosa lì" e sarebbe meglio che, nella Juventus tutta, non ne parlasse nessuno.

Giuliano ha detto...

sulla mediocrità del campionato, di questo come di quelli precedenti, sono d'accordo con Pi. L'unico rimedio pensabile, e l'abbiamo già detto tante volte, è il campionato a 16 squadre: meno brocchi in circolazione, almeno questo sarebbe garantito.
Comunque vale sempre la vecchia barzelletta, quella che fa così:
- Papà, quanto è grande l'oceano?
- Taci, e nuota.
Appunto, taci e nuota (corri, pedala, salta, allenati!).

Cronache bianconere ha detto...

@pigreco san: dal "Kun" (Aguero) al "Kul", un pò di strada ne è stata fatta, via...
;-)

@Danny67: ho letto critiche rivolte a Conte per i suoi ripetuti riferimenti ai settimi posti conseguiti negli ultimi due anni: esagerare è sempre sbagliato, ma quelle sono onte da cancellare...
Per il sottoscritto fa bene: continui pure...

@Giuliano: bellissima... :-)

Un abbraccio a tutti!

MauryTBN ha detto...

Il ritorno dell'Inter in effetti è preoccupante, ma va anche detto che, recentemente, hanno giocato contro Parma, Lecce, Cesena, Fiorentina (o quel che ne resta) e Siena, non proprio delle corazzate. Vittorie come quelle del derby possono dare una svolta alla stagione, ma io confido nel talento naturale di Ranieri: non vincere mai un c****!

Cronache bianconere ha detto...

In merito a Claudio Ranieri, Roberto Beccantini ha inventato una definizione che sposa in pieno la mia (e la tua) idea su di lui: graffia ma non morde.

Chapeau ;-)

Un abbraccio!!!