venerdì 25 aprile 2014

Juve, passa da Torino il futuro europeo


Il futuro europeo di Madama ora passerà inevitabilmente da quanto accadrà sul prato verde dello “Juventus Stadium”. Era già stato deciso che il prossimo 14 maggio vi si sarebbe disputata la finalissima dell'Europa League, di conseguenza tra poco meno di una settimana proprio su quel terreno la Vecchia Signora dovrà sudarsi l'accesso alla gara decisiva della manifestazione.

Il giorno stesso in cui la Juventus aveva conquistato il primo scudetto dell'era-Conte, il giornalista e scrittore Maurizio Crosetti descrisse con queste parole l'impianto torinese: “Il dodicesimo giocatore non scende in campo perché "è" il campo. E' una tana di cemento e cristallo, è il primo stadio di proprietà in Italia e l'ha costruito la Juve. Assai probabile che il dodicesimo giocatore abbia portato punti in classifica. Impossibile quantificarli, ma ci sono di sicuro. Ed è certo che la Juve sia imbattuta anche per via della sua tana, la sua casa riconquistata insieme all'identità di sé. Una visione tra passato e futuro, perché un campo e uno stadio sono appartenenza, e insieme sono sviluppo. Sono soldi”.

Può darsi che l'aria di casa, l'affetto e la vicinanza dei suoi tifosi restituiscano alla Juventus quelle sicurezze che in Europa spesso smarrisce. Salvo ritrovarle quando i giochi sono ormai fatti. L'elenco delle occasioni perse o comunque non colte al volo inizia ad allungarsi pericolosamente e tra queste – sia chiaro – non vanno certo annoverate le sconfitte patite per mano del Bayern Monaco nella scorsa stagione. Ma gli approcci titubanti al cospetto dei vari Nordsjælland, Copenaghen e Galatasaray si ripropongono con una frequenza sempre maggiore nel momento stesso in cui la Vecchia Signora abbandona il Belpaese per iniziare qualche campagna d'Europa.

Le reti subite dai bianconeri all'Estádio da Luz erano evitabili, così come il bellissimo goal di Tevez poteva non restare un caso isolato a se stesso, se soltanto qualche suo compagno avesse avuto una mira migliore. Per carità, nulla è compromesso, la finale è ancora a portata di mano. Ma l'Europa non è l'Italia, se sbagli spesso manca il tempo per rimediare. La sconfitta con il Benfica ricorda una volta in più quanto sarebbe importante per la Juventus vincere l'Europa League, in modo da ritrovare la sicurezza e l'autostima indispensabili per poter riprendere a pensare in grande. Non è soltanto una questione di uomini, ma anche di “testa”. L'Atletico Madrid attuale semifinalista della Champions League (che ultimamente è riuscito ad aggiudicarsi qualche trofeo... ) è la prova lampante di questo concetto. 

Articolo pubblicato su

4 commenti:

Giuliano ha detto...

l'altra sera mi è tornato alla memoria Fanna: un Bruges-Juve, se non ricordo male, semifinale (il Bruges era molto forte in quegli anni). Fanna gioca una partita spettacolare, uomo ovunque; non è un attaccante puro ma si fa valere. A dieci minuti dalla fine il Trap lo toglie e mette dentro Boninsegna, probabilmente pensando già ai calci di rigore. Stavo la guardando la partita con mio padre, che dice: "Ecco, adesso segnano". E infatti il Bruges segna, fine della corsa per la Juve. Come l'altra sera con il Benfica: togli uno che tiene la palla e che ci sa fare, e metti dentro uno che non tiene palla e che si fa tagliar fuori dal gioco; oltretutto, Osvaldo e Giovinco non valgono mica Boninsegna (e neanche Fanna).
Conclusione: forse era il momento di mettere dentro non dico Llorente ma magari Padoin, lo dico per davvero. Quantomeno, contrasta, corre, poteva anche dare una spallata a tre quarti campo e beccarsi un'ammonizione...
Va beh, vediamo cosa succede questa settimana.
Intanto prendo atto che il Milan non ha quasi giocato, ieri sera a Roma: che si fa, chiamiamo l'ufficio inchieste? Prima il Parma che gioca alle belle statuine, adesso il Milan... (con dedica all'ottimo Garcia!)
:-)
La Roma sta facendo un campionato formidabile, che bisogno c'è di dire stupidaggini?

Thomas ha detto...

I tuoi commenti, Giuliano, spesso e volentieri completano (migliorandoli) gli articoli che scrivo.

La Roma in questa stagione è stata sfortunatissima: ha trovato un avversario superiore a lei, nonostante stia giocando un campionato favoloso.

Basterebbe riconoscere entrambe le cose (la sfortuna e i meriti dell'avversario), non è difficile.
Ma siamo in Italia, purtroppo...

Un abbraccio!!!

Mondo Biancoceleste ha detto...

Credo nel ritorno...

saluti biancocelesti

http://mondobiancoceleste.blogspot.com

Danny67 ha detto...

Concordo anche io pienamente con Giuliano e ripeto quanto avevo scritto a Thomas dopo la partita. Si poteva e si doveva vincere perchè dopo il pareggio il benfica era alle corde. Quantomeno il pareggio era tranquillamente da portare a casa.
Benvenuto a nome di tutti a "Mondo Biancoceleste".